Dintorni escursioni e itinerari a Lignano

Passare una giornata visitando le più belle città d'arte Italiane, vicine a Lignano:

LIGNANO Mare d’amare!
La posizione di Lignano, al centro del golfo del Nord-Adriatico, consente escursioni favolose nel giro di pochissimi Kilometri. Le città friulane Trieste, il suo porto, la città con la sua architettura, il suo famoso faro, la basilica di San Giusto, il castello di Miramare, la più grande regata al mondo "la barcolana"... Aquileia la sua chiesa romanica, i resti della civiltà Romana museo a cielo aperto ...Gorizia e il suo castello, Udine e la Loggia del Lionello ambedue città friulane con il fascino dei loro monumenti, piazze e strade caratteristiche... . Cividale medioevale dei Longobardi, Palmanova fortezza pentagonale... . Le Prealpi Carniche con nel proprio cuore Gemona borgo medioevale completamente ricostruito dopo il terremoto del 1976 Le Alpi Carniche a nord con i loro dolci verdi pendii e boschi di abeti e le ospitali cittadine Cortina e le Dolomiti un po’ più a nordovest Poi giù lungo la pianura Veneta e le sue caratteristiche cittadine Venezia la più romantica unica eccezionale città al mondo. Friuli la famosa cordialità dei suoi abitanti, I suoi gustosi piatti caratteristici e soprattutto i prelibati vini...
FRIULI VENEZIA GIULIA ospiti di gente unica!.

Elenco di città famose e luoghi d'arte vicino a Lignano Sabbiadoro:

Venezia

A110 Km Venezia, "la Serenissima" perla dell’Adriatico, tutelata dall’UNESCO quale patrimonio dell’umanità, è considerata la più bella città del mondo, grazie alla sua unicità urbanistica, al suo inestimabile patrimonio artistico e culturale, vanta assieme a Roma il più alto flusso Turistico da tutto il mondo. Fondata daggli esuli delle invasioni barbariche del 525 d.c. su palafitte sugli isolotti della laguna veneta, si sviluppò nei secoli acquistando il suo massimo splendore quale Repubblica marinara, mantenendo la sua egemonia sul mediterraneo sino alla caduta sotto Napoleone. Oggi i suoi palazzi in tipico stile architettonico, che si affacciano sui canali vere e proprie "strade d’acqua", solcati da barche a motore o da tipiche imbarcazioni a remi tra cui le famosissime mitiche "gondole" , fanno sì che il visitatore si trovi in un ambiente surreale ricco di fascino particolarmente romantico, da sempre meta o sogno di tutte le coppie di innamorati.

Trieste

A 90 km Trieste, capoluogo della regione Friuli Venezia Giulia, trae origini dalla preistoria, fu un’importante città porto dell’antica Roma, le cui vestigia si possono ammirare in tutta la città. Trieste resistette alla rivale Venezia fino a divenire un protettorato Asburgico, principale porto sull’Adriatico, mantenendo la sua autonomia quale porto franco, stato che mantenne sino alla definitiva annessione all’Italia nel 1975 dopo vent’anni di territorio libero sotto l’egida dell’ONU. Oggi è un importante nodo portuale verso i mercati del Nord. I suoi palazzi in stile tipicamente asburgico ospitano, ritrovi, musei e teatri, facendone allo stesso tempo città moderna e romantico salotto d’altri tempi, al suo interno si possono ammirare monumenti di fama internazionale primi fra tutti il castello di Miramare, il castello di Sangiusto ed il monumentale faro della Vittoria.

Aquileia

A 50 Km Aquileia, cittadina ricchissima di storia, fu una colonia romana fondata nel 180 a.c., sede della Chiesa cristiana di Roma. Sorta quale baluardo alle invasioni barbariche fu distrutta da Attila nel 450 e si dice che i fuggiaschi fondarono Venezia. Fu ricostruita e subì varie occupazioni: dai Longobardi alla repubblica di Venezia, dal sacro romano impero all’impero austroungarico, fino alla sua annessione all’Italia dopo la prima guerra mondiale. Oggi è il più importante sito archeologico del nord Italia, l’antico porto fluviale, il foro, sepolcri, strade lastricate sono le più note vestigia assieme alla basilica romanica edificata nel 313, al suo interno si possono ammirare mosaici di magistrale fattura in eccezionale stato di conservazione, Il museo ricco di reperti risalenti all’epoca romana, manufatti, mosaici, lapidi, statue e preziosi.

Villa manin di Passariano

A 40 km sorge uno dei più bei monumenti dell’architettura veneta “Villa Manin di Passariano” meravigliosa villa veneta residenza dell’ultimo doge di Venezia Ludovico Manin, nipote del nobile friulano Antonio Manin che la fece costruire nel cinquecento. I nobili Manin, le cui origini risalgono all’anno mille, negli anni ristrutturarono il complesso originale arricchendolo e trasformandolo con ampliamenti seicenteschi, settecenteschi, arricchendola di affreschi, opere d’arte e sculture del periodo le meravigliose “barchesse”, la sopraelevazione del corpo centrale, la costruzione della cappella, fino alla trasformazione che possiamo ammirare. ICORDA CHE Napoleone Bonaparte vi soggiornò con Giuseppina in occasione della firma del "trattato di Campoformio". Oggi la villa, sede dell’azienda per il turismo della regione autonoma FVG, a fianco delle sue bellezze artistiche, ospita iniziative culturali e mostre d’interesse internazionale.

Palmanova

A 50 km Palmanova città fortezza al centro del Friuli-Venezia Giulia in posizione strategica fu interamente ricostruita dalla Repubblica di Venezia nel 1600 contro le Incursioni dei turchi, cadde sotto la dominazione austriaca, poi sotto i francesi con Napoleone. Ogni dominazione contribuì a rafforzarne le difese. Architettonicamente rappresenta uno dei pochi esempi di fortezza a forma di stella al mondo, unica in Italia con le sue nove punte con tre cerchie di mura fortificate, fu proclamata monumento nazionale. I sui monumenti, la piazza a forma pentagonale da cui si dipartono cinque strade Verso le principali località, i musei, storico civico e quello militare ricchi di reperti illustrazioni storiche dalla fondazione alla seconda guerra mondiale, ne fanno meta di turismo internazionale. Molti eventi storici, culturali, artistici, sacri, sportivi e gastronomici arricchiscono l’offerta turistica della città.

Cividale

A 80 Km Cividale anticamente “Forum Juli” cittadella fondata nel 50 a.C. pare da Giulio Cesare, la cui statua domina la piazza del duomo, vestigia celtiche rivelano insediamenti ben più antichi. La sua massima egemonia risale al periodo longobardo del cui ducato fu capitale sotto il re Alboino. Solo nell’ottavo secolo sottola dominazione dei Franchi mutò il suo nome in “Civitas Autriae” da cui Cividale. Fu sede del patriarcato friulano, dopo la dominazione della Repubblica di Venezia calò la sua importanza. La città è ricca di vestigia a testimonianza delle varie egemonie che la resero importante, l’Ipogeo celtico, il tempietto Longobardo perfettamente conservato, il Duomo con suo interno importanti opere d’arte, il Palazzo dei Provveditori attribuito al Palladio e moltissimi reperti conservati nel museo archeologico. Un’opera più recente, ma altrettanto suggestiva è il Ponte del Diavolo chi si dice costruito dal Diavolo stesso in cambio dell’anima del primo passante.

Gorizia

A 70 Km Gorizia città di confine con la Slovenia, simbolo dell’irredentismo dall’Austria. Le sue origini sono medioevali, anche se si conoscono antichi insediamenti romani, il suo nome risale all’anno 1000: nell’era moderna fu contea, protettorato e territorio asburgico sino alla sua liberazione nel 1918. Città incantevole, il suo clima mite, la cordialità dei suoi cittadini, fanno di Gorizia una località ideale per viverci. Il castello medioevale, perfettamente ricostruito e trasformato in museo, assieme al museo della Grande Guerra richiamano molti turisti che,lungo le strade e piazze a carattere mitteleuropeo, possono gustare le specialità gastronomiche i dolci tipici come le favette lo strucolo e la putizza o i gli speciali gnocchi di susine ed il gulasch, il tutto accompagnato dai famosi vini del collio.

Udine

A 70 km Udine, capitale storica del Friuli Venezia Giulia, da sempre considerata capoluogo del Friuli, trae origini dal neolitico, aumentando nel tempo la sua importanza in seguito alla caduta di Aquileia e dei longobardi fino a diventare città con suo castello, donato da ottone intorno all’anno 1000 con il nome di Utinum. Seconda città della Serenissima, di cui conserva ancora lo stile architettonico, fu poi annessa al regno d’Italia. La città è ricca di monumenti: Il castello domina la città dalla sommità di un colle che si dice costruito artificialmente, la loggia del Lionello, costruzione in fantastico stile gotico veneziano, fronteggia la Loggia di San Giovanni sovrastata dalla torre dell’orologio, copia di quella di Venezia con la campana e i mori, nel salotto di Piazza Libertà, ancora piazze ricche di monumenti, chiese romaniche, cattedrali ricche di affreschi di artisti quali il Tiepolo o opera di architetti famosi come il Massari.